ICAR 2018 ultima giornata

Chamonix, 20 ottobre 2018.

Ultima giornata dell’ICAR 2018 con interessantissime presentazioni  riguardanti le metodologie di monitoraggio, allertamento, evacuazione e interdizione delle aree antropizzate da parte della comunità svizzera della Mattertal, e delle operazioni di ricerca e bonifica  conseguenti alla frana del Pizzo Cengalo  del 2017.

Da parte della commissione medica un ulteriore approfondimento e studio sulle metodologie di rianimazione per le ipotermie gravi seguita da una presentazione tenuta dal dott. Brugger  sul  progetto EURA X / Cube, con la realizzazione presso il proprio centro di Bolzano di una struttura nella quale vengono riprodotte tutte le principali condizioni ambientali, climatiche e meteorologiche (pressione atmosferica, temperature, precipitazioni ecc.) riscontrabili fino a una quota di 9000 metri,  per lo studio della fisiologia, dei parametri medici e dell’acclimatamento del corpo umano,  la struttura sarà operativa dal 2019.

Resoconto dei soccorritori dell’incidente di Arolla di fine aprile 2018 coi reportage reali, in via  esclusiva per l’ICAR, e non divulgabile, delle operazioni di soccorso e medicalizzazione degli scialpinisti soccorsi.

Resoconto da parte della delegazione francese sugli effetti dei cambiamenti climatici con misurazioni effettuate nel massiccio del Monte Bianco.

A conclusione della giornata il congresso dei delegati.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone
Questa voce è stata pubblicata in Progetti. Contrassegna il permalink.